TRACCE DELL’ABITARE

Architettura e musica: spunti per una riflessione
Un progetto curato da Gaia Dallera Ferrario e Lorenzo Palmieri

7 appuntamenti raccontano lo stretto legame tra il suono e i luoghi dell’abitare

Dove nasce la concezione contemporanea di spazio sonoro? In una visione polisensoriale dell’architettura l’insieme delle componenti di un costrutto sostituiscono, all’apparente mutezza, una ricca polifonia di echi, vibrazioni, flussi timbrici ai quali si aggiungono i suoni del nostro vivere. Nel rapporto tra dentro e fuori, nella relazione con gli elementi atmosferici, ogni cosa – ogni casa – suona come uno strumento musicale qualificato in base alle proprietà della materia di cui è composta, alle modalità di sollecitazione, allo specifico ambiente. Così inteso il rapporto tra architettura e musica accompagna e avvolge l’esperienza dell’abitare, dell’ascoltare, suggerendo di addentrarsi più a fondo nelle potenzialità inespresse dei materiali e delle loro combinazioni, portando infine la ricerca architettonica  e quella musicale – a immaginare progetti che rivelino orizzonti armonici ancora inesplorati.

Gaia e Lorenzo

Ep. I – Il suono, sempre

John Cage

Ep. II – Strategie oblique

Brian Eno

Ep. III – Sono dunque suono

Matthew Herbert

Ep. IV – La regola dello spazio

Iannis Xenakis

Ep. V – How music works

David Byrne

Ep. VI – La pietra

Giuseppe Sciola

Ep. VII – Musica Divina

Marius Schneider

gaia dallera ferrario

Gaia Dallera Ferrario, torinese di nascita, laureata cum laude e diritto di pubblicazione all’Accademia di Belle Arti di Ravenna, con una tesi sul rapporto tra Arte e Pubblicità nell’opera di Pino Pascali. Artista multimediale, giornalista pubblicista, vive e lavora a Milano. La sua attività professionale verte sulla creazione di brand identity, comunicazione visiva, progettazione e sviluppo siti web ed e-commerce.

lorenzo palmeri

Lorenzo Palmeri, architetto, si occupa di progettazione, attivo nei campi del design, architettura, art direction, insegnamento, composizione e produzione musicale. Tra i suoi maestri Bruno Munari e Isao Hosoe con cui ha collaborato per diversi anni. Ha progettato tante cose: abitazioni, chitarre, lampade, vasi, tavoli e cioccolatini lavorando con le più importanti aziende italiane e internazionali.
In campo musicale ha scritto colonne sonore per teatro e installazioni. Ha all’attivo tre album ed è in uscita il suo quarto. Nel 2017 è stato nominato tra gli “Ambasciatori del Design Italiano” nell’ambito dell’Italian Design Day.

DISCLAIMER Tutti i contenuti fotografici presenti in questa pagina – ove non diversamente indicato – appartengono ai rispettivi proprietari che ne detengono la piena proprietà intellettuale.

Pin It on Pinterest